Facebook

Humanity4Refugees – Parte 2

in Progetti

Share On GoogleShare On FacebookShare On Twitter

La Mostra resterà aperta sino a sabato 30 luglio 2016
e sarà visitabile con il seguente orario: mattina 09.00 / 13.00 – pomeriggio 16.00 / 20.00

21 luglio

6 – VIDEO www.facebook.com/cri.comitatolocalecepagatti/videos/1027899127287230/ durata 23’ 11’’

Intervento del Sindaco di Cepagatti, Sirena Rapattoni e del Sindaco di Pescara, Marco Alessandrini e consegna dei contributi per finanziamento acquisto beni di prima necessità per la Missione da parte dei Sindaci presenti

5 – VIDEO www.facebook.com/cri.comitatolocalecepagatti/videos/1027874177289725/ durata 21’ 02’’

Presentazione del Presidente del Comitato di Cepagatti della Croce Rossa Italiana Constantino Camblor

4 – VIDEO www.facebook.com/cri.comitatolocalecepagatti/videos/1027871100623366/ durata 08’ 19’’

Taglio del nastro
3 – VIDEO www.facebook.com/cri.comitatolocalecepagatti/videos/1027870383956771/ durata 2’ 50’’

I Sindaci della Provincia di Pescara si portano all’esterno del palazzo della Provincia per il “taglio del nastro” della Mostra

2 – VIDEO www.facebook.com/cri.comitatolocalecepagatti/videos/1027865820623894/ durata 0’ 22’’

In attesa dell’inaugurazione Mostra fotografica 12 secondi per evidenziare alcune foto della Mostra

1 – VIDEO www.facebook.com/cri.comitatolocalecepagatti/videos/1027863427290800/ durata 2’ 46’’
Finito il montaggio della Mostra, Tutto pronto. Facciamo un “giro”…
VIDEO Pagina Fb Presidente Provincia di Pescara Antonio Di Marco www.facebook.com/antonio.d.marco.165/videos/10206655396287543/durata 0’ 27’

Giovedi 21 luglio 2016 alle ore 18.30 presso il Palazzo della Provincia di Pescara ci sarà l’inaugurazione della mostra fotografica con gli scatti dei fotografi Lorenzo Di Gregorio e Ibrahim Malla che raccontano la missione Umanitaria in Grecia progettata e realizzata da Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Cepagatti con il Patrocinio della Provincia di Pescara. Siete tutti invitati a partecipare.
L’invito è ovviamente esteso anche alle vostre famiglie ed ai vostri amici.

La missione rientrava nell’ambito del progetto ‪#‎Humanity4Refugees (tutt’ora aperto) che si propone, oltre che l’invio di aiuti di prima necessità ai profughi presenti nei campi ai confini tra Grecia e Macedonia, anche e soprattutto la sensibilizzazione dell’opinione pubblica riguardo le condizioni delle migliaia di persone in fuga da guerre e persecuzioni.
#‎crocerossa     ‪#‎UnItaliaCheAiuta     ‪#‎clcepagatti ‪    #‎provinciadiPescara

COME DONARE
On-line su https://www.gofundme.com/22dqdvzw

Sul Conto Corrente dedicato IBAN – IT51 N084 3477 2400 0000 0002 824

Per richieste di informazioni da parte di cittadini / ditte / imprese sulle donazioni di beni
CONTATTARE
 320 346 10 30   –   cl.cepagatti.sviluppo@abruzzo.cri.it

La Missione può essere seguita tramite:
http://www.facebook.com/cri.comitatolocalecepagatti
https://twitter.com/criCepagatti

CroceRossaItalianaComitatodiCepagatti

INFO alla pagina http://www.cricepagatti.it/Humanity4Refugees.htm

Non chiederti: “Chi sono gli altri per essere aiutati?”. Chiediti: “Chi sono io per non aiutarli?”. (Fabrizio Caramagna)

Premessa
Secondo le stime dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) e dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM) persecuzioni, conflitti e povertà hanno costretto la cifra record di un milione di persone a fuggire in Europa nel corso del solo anno 2015.
Dal primo gennaio 2016 ad oggi, in Grecia sono arrivate oltre 153.000 persone, 40% bambini, 22% donne, 38% uomini, la metà delle quali provenienti dalla Siria dove da cinque anni è tuttora in corso una tremenda guerra civile. L’ultima stima dell’UNHCR parla di 9.900 persone presenti presso il solo campo di Idomeni (Grecia), 90% delle quali di nazionalità siriana.
Una tragedia, dunque, che coinvolge non solo la Siria, ma moralmente tutto il resto del mondo. Non si può restare indifferenti, infatti, di fronte alle cifre impressionanti del conflitto: 470mila morti dal 2011 a oggi, mentre metà della popolazione è sfollata.
Si stimano, inoltre, 1,9 milioni di feriti mentre l’aspettativa di vita è passata dai 70 ai 55 anni. In totale, negli ultimi quattro anni l’11,%5 della popolazione è morta oppure è rimasta ferita.
Ovviamente, come accade in ogni guerra, non sono soltanto i bombardamenti e l’artiglieria a ferire e uccidere, ma mancanza di cibo e medicinali, ospedali distrutti e medici scomparsi contribuiscono nell’accrescere i numeri della tragedia.
L’unica speranza di sopravvivenza, per molti, è fuggire. È così che 6,3 milioni di persone hanno cominciato il proprio esodo, in particolar modo verso la Turchia e l’Europa attraverso la “rotta balcanica”, diventando di fatto profughi.
Ma non solo Siriani seguono questa rotta, a loro si aggiungono afghani, iracheni, e in piccola percentuale pakistani e iraniani. Anche in questi casi si tratta di persone in fuga da persecuzioni politiche, fame e miseria.
Si è generato, così, un esodo di proporzioni tali da rendere difficili i delicati equilibri internazionali oltre che l’accoglienza da parte degli Stati meta dei migranti.
Con la chiusura dei confini lungo la rotta balcanica, i profughi sono rimasti intrappolati nei vari confini. L’estremità sud dell’Europa’ è Idomeni, in Grecia al confine con la Macedonia, dove oltre 13mila profughi attendono di poter proseguire. Allora ecco che migliaia e migliaia di persone si trovano ad essere bloccate per giorni o settimane all’interno di campi improvvisati, in condizioni igienico-sanitarie precarie e spesso senza acqua e cibo. L’insediamento continua a crescere a vista d’occhio, al punto che le tende hanno occupato anche la zona dove passano i binari della ferrovia.
Si tratta di una vera emergenza umanitaria di fronte alla quale non si può restare indifferenti.

Obiettivo
Soccorrere le migliaia di persone contenute all’interno dei campi di accoglienza ai confini tra la Grecia e la Macedonia (Fyrom), consegnando beni di primissima necessità destinati perlopiù a donne e bambini (circa il 51% dei presenti nei campi).
Altre Società Nazionali di Croce Rossa sono al momento impegnate nel soccorso e sostegno dei migranti presenti ai confini tra la Grecia e la Macedonia e tra la Macedonia e la Serbia, ma il continuo affluire di migranti provenienti in modo particolare dalla Siria e il blocco delle frontiere stanno provocando un sovraffollamento dei campi che hanno ormai superato il limite massimo di contenimento. Cibo e beni di prima necessità cominciano a scarseggiare e con loro anche le condizioni igieniche divengono precarie.
Il progetto si prefigge lo scopo di fornire sostegno ai più vulnerabili, in particolare donne e bambini, consegnando beni di prima necessità. La scelta dei materiali da consegnare è stato concordata tra la Croce Rossa Italiana (il Servizio 12 che si occupa delle missioni all’estero) e con la Croce Rossa Greca presente sul posto.
Il beni devoluti saranno in parte acquistati con il ricavato di raccolte fondi ed in parte frutto di donazioni da parte di cittadini, aziende, associazioni…

RACCOLTA DEI SEGUENTI BENI DI PRIMA NECESSITA’:

CIBO:

IGIENE PERSONALE:

ACCESSORI:

RACCOLTA FONDI IN DENARO:

Conto corrente bancario dedicato presso la Banca di Credito Cooperativo Abruzzese, intestato a:
Croce Rossa Italiana – Comitato Locale di Cepagatti

  • IBAN: IT51 N084 3477 2400 0000 0002 824
  • BIC: ICRAITRRC20
  • Causale: donazione pro Idomeni

On-line su: www.gofundme.com/22dqdvzw

Le donazioni in denaro, così come la raccolta beni, saranno promosse mediante eventi pubblici mirati e campagne promozionali sui media e social network.

TAPPE DELLA MISSIONE:

1 giugno partenza da Cepagatti
2 giugno consegna materiali presso campi in Grecia
3 giugno consegna materiali presso campi in Macedonia (Fyrom)
5 giugno rientro in Italia

COMPOSIZIONE DEL TEAM:

Il Team sarà composto da 10/12 Volontari della Croce Rossa Italiana.
Ogni figura sarà selezionata per compiti specifici a seconda della propria formazione professionale in ambito di Croce Rossa e/o personale.
I ruoli evidenziati saranno: Capomissione, Tesoriere, Interpreti, Fotografi, Esperto addetto ai rapporti con Istituzioni e media, Giornalista, Esperti in logistica, Autista esperto mezzi pesanti, Autista meccanico mezzi pesanti.

Capomissione e referente del Progetto: Constantino CAMBLOR – Tel. 320 4303 246

 

Project Manager:

  • Constantino Camblor
  • Daiana Mattioli
  • Gianluca Colantonio
  • Maria Grazia Frattaruolo
Comunicazione e Informazione Social Media e Pubblic Relations:

  • Daiana Mattioli
  • Maria Grazia Frattaruolo
  • Matteo Mattioli
  • Stampa e Public Relations: Muni Cytron
  • Foto: Ibrahim Malla Lorenzo di Gregorio
Interpreti

  • Greco: Titos Sfakiotakis
  • Inglese: Marlon Pelino
  • Macedone: Ermin Shakjiri
  • Arabo: Ibrahim Malla
Logistica e Mezzi:

  • Gabriele Olivieri
  • Gianluca Colantonio
  • Marco Olivieri

 


La Missione può essere seguita tramite     cri.comitatolocalecepagatti  /    criCepagatti  /    CroceRossaItalianaComitatodiCepagatti

 

Presentata lunedì 9 maggio 2016, in Conferenza Stampa presso la sala “Figlia di Iorio” della Provincia di Pescara, la Missione ‪#‎Humanity4Refugees della Croce Rossa Italiana Comitato di Cepagatti.
La Missione si svolgerà dal 1° al 5 giugno 2016 ed ha l’obiettivo di consegnare generi di prima necessità raccolti e destinati alla distribuzione alle persone più vulnerabili, bambini e donne, che affollano i campi di accoglienza ai confini tra la Grecia e la Macedonia (Fyrom).

 

Alla presentazione del Progetto, svolta da Constantino CAMBLOR, Presidente della Croce Rossa Italiana, Comitato di Cepagatti che ricoprirà anche il ruolo di “Capo Missione”, erano presenti il Presidente della Provincia Antonio DI MARCO, la Vice Presidente Nazionale della Croce Rossa Italiana, Prof.ssa Maria Teresa LETTA, l’Assessore Regionale alla Programmazione sanitaria Silvio PAOLUCCI e il Consigliere provinciale Gianni TEODORO.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Sito non ufficiale della Croce Rossa di Cepagatti: Via A. Forlani - 65012 Cepagatti - tel. 085 974 974 4 -

Email: cl.cepagatti@cri.it | Facebook: Cri Cepagatti | Twitter: Cri Cepagatti